Aumento delle marche da bollo

Pubblicata il 30/07/2013


L′imposta da bolla è ufficialmente aumentata il 26 giugno, con l′entrata in vigore della legge 71/13 di conversione del Decreto legge del 26 aprile 2013 n . 43. Il rialzo esclude tutti gli atti finalizzati entro il 25 di giugno, anche nel caso siano stati presentati a un ufficio pubblico, per la registrazione, in una data successiva.
Gli importi fissati a 1,81 euro e 14,62 euro crescono, rispettivamente, fino a 2 euro e 16 euro. L′aumento è pari al 10%.
Nel dettaglio, l′imposta che è pari a euro 2 riguarda: le fatture che contengono importi non assoggettati ad Iva; gli estratti conti o altri documenti di accreditamento o addebitamento per somme superiori a euro 77,47. L′aumento da 14,62 a euro 16 euro include gli atti rogati o autenticati da un notaio o altro pubblico ; le scritture private contenenti convenzioni anche unilaterali che regolino rapporti giuridici di qualsiasi specie.